La gioia dopo la separazione. Le voci femminili del Carcere S. Anna – Il podcast

Luogo Evento
Spazio 3 - Via Munari 14, Modena
Data Evento
10/09/2021 ore 20:30
La gioia dopo la separazione. Le voci femminili del Carcere S. Anna – Il podcast

All’interno del Festival della Fiaba, venerdì 10 settembre 2021 alle ore 20.30 presso lo Spazio 3 (via Munari 14, Modena) verrà presentato La gioia dopo la separazione. Le voci femminili del Carcere S.Anna – Il podcast, prodotto del laboratorio realizzato con le detenute del carcere Sant’Anna all’interno del progetto T-essere: da donna a donna, promosso da Centro documentazione donna in collaborazione con le associazioni Casa delle Donne contro la violenza, Gruppo Carcere-città, Donne nel mondo e il Comune di Modena.

Interverranno: Caterina Liotti del Centro documentazione donna e le curatrici: Anna Perna; Marianna Toscani; Romana Savigni e Valeria Vozza (Casa delle donne contro la violenza); Paola Cigarini  e Cadia Bellini (Gruppo Carcere-Città).

L’ingresso è gratuito su prenotazione. Info e prenotazioni: segreteria Festival della Fiaba, tel. 328 4673428.

 

Quello narrato ne “La fanciulla senza mani” – fiaba della tradizione descritta in “Donne che corrono coi lupi” di Clarissa Pinkola Estés – è un mondo in cui una tragica necessità impone un’azione mostruosa: la mutilazione della propria figlia. Perché mai – sembra chiedersi la fiaba – bisogna sopportare una simile sofferenza prima che giunga la gioia? Perché è necessario un lungo periodo di separazione prima di ritrovarsi?
In questa fiaba si identificano le voci delle donne in una condizione di reclusione che incontriamo presso la Casa circondariale e che molto spesso hanno conosciuto maltrattamenti e abbandoni da chi avrebbe potuto/dovuto proteggerle, vivendo di frequente modalità relazionali vittima-carnefice.
Sono tutte donne, protagoniste e antagoniste, spiriti salvifici e aiutanti.
Nello spazio della fiaba, ricostruito nel laboratorio, sono in un luogo “altro” dove, come per la protagonista della fiaba alla quale ricrescono le mani, possono dopo un lungo distacco riconnettersi ad uno spazio di gioia in cui affrancarsi dalla storia che hanno vissuto finora.

 

Locandina

Il progetto T-essere è sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese

Progetto Correlato: